Brand journalism e content marketing, strategie e strumenti

CORSO BRAND JOURNALISM E CONTENT MARKETING, CONTENUTI:

Le aziende per il proprio content marketing hanno bisogno di contenuti e, sempre più spesso, si rivolgono a professionisti della comunicazione e a giornalisti per progettare e realizzare testi, articoli, post, tweet, whitepaper, eBook ecc.

Il corso Brand journalism e content marketing è rivolto sia a freelance che a dipendenti di aziende consumer o B2B per fornire loro idee e strumenti pratici per comunicare e veicolare nel miglior modo possibile i contenuti aziendali.

PROGRAMMA CORSO BRAND JOURNALISM

  • Il ruolo del giornalista in azienda
  • Che cos’è e come deve essere il brand journalism?
  • Il piano editoriale strategico
  • La brand awareness
  • Il posizionamento
  • Gli strumenti (soprattutto free) per creare contenuti
  • Come attirare visitatori/clienti
  • I contenuti come veicolo per la vendita (cenni sulla lead generation)
  • Corporate blog e profili social (Facebook, LinkedIn, Twitter ecc.).
  • Case studies di successo

QUANDO
Venerdì 8 novembre 2019, dalle 9.30 alle 18.30

DOVE
Primopiano, via Vincenzo Rabolini 13, Milano (dove siamo)

 

DOCENTE
Gianluigi Bonanomi, giornalista hi-tech e formatore

 

COSTO: 154 euro + IVA

DESTINATARI

  • Manager d’azienda
  • Responsabili comunicazione
  • Addetti stampa e Digital PR
  • Marketing manager
  • Giornalisti*
  • Freelance

*Corso accreditato dall’Ordine dei giornalisti con 8 crediti formativi (in piattaforma Sigef, area “Corsi Enti Terzi”)

 

Dicono del corso Brand Journalism

Interessante, utile e molto pratico. Se dovessi definire in tre parole il corso di Gianluigi Bonanomi, userei queste. Da giornalista, ha saputo parlare ai colleghi in modo mirato, illustrando loro esattamente ciò che serve per approcciarsi al nuovo modo di comunicare l’azienda; da tecnico, esperto del mondo dei social, ha fornito tutti gli strumenti necessari per “uppgradarci” al brand journalism 2.0. Un’esperienza davvero “formante”, grazie. (Sara Pezzati, esperta di comunicazione territoriale)

La giornata è stata molto interessante sia per chi come me lavora come media relator, sia credo dal punto di vista puramente giornalistico. Moltissimi gli spunti, Gianluigi Bonanomi è stato molto chiaro nell’esposizione e soprattutto molto generoso nell’offrire contenuti e consigli (cosa che non è da tutti!). Ora non ci resta che “smistare” la quantità di informazioni ricevute e partire con un’altra marcia! (Laura Bresciani, giornalista e media relator)

Il corso è ben articolato nelle 8 ore previste, ma potrebbe persino estendersi ad un’ulteriore giornata/mezza giornata. Il taglio è prettamente teorico con un buon supporto di slides utili ed esaustive, ma fornisce un know how pratico e numerosi strumenti operativi. Il docente ha una comunicazione chiara e immediata con un’ampia disponibilità nel confrontarsi con qualsiasi dubbio o necessità di approfondimento si palesi in aula. Soddisfatta per la qualità e la quantità di know how acquisita che fornisce strumenti lavorativi facilmente applicabili. (Monica Rubini, web content manager)

Un corso necessario per il giornalista curioso e intraprendente,che voglia ottimizzare le sue competenze nella creazione di contenuti imparando a usare nuovi strumenti. Gianluigi Bonanomi è una miniera di stimoli, spunti, provocazioni. (Raffaella Giancristofaro, giornalista e social media manager)

EC=MC —-> EVERY COMPANY IS A MEDIA COMPANY. Ho particolarmente apprezzato il corso di Gianluigi Bonanomi che con grande maestria ripercorre le tappe dell’evoluzione della comunicazione aziendale evidenziando l’importanza strategica della creazione e della cura dei contenuti nell’era dei media. Il docente coniuga abilmente la teoria con la pratica illustrando numerosi strumenti per raggiungere lo scopo. (Marco Santiloni, corporate storyteller)

Si parla spesso di crisi del giornalismo ma poco di soluzioni o suggerimenti per chi ha una formazione e/o ha lavorato nel mondo dell’informazione. Il corso di Brand Journalism offre l’opportunità di vedere la situazione in un’ottica attuale e lungimirante dal momento che, oggi più che mai, la Comunicazione si sta trasformando in mille sfaccettature e sfumature. Il fatto di conoscere e di approfondire questo argomento permette al giornalista/comunicatore/addetto stampa di approcciarsi alle nuove necessità delle aziende (le quali hanno bisogno, in primis, di farsi conoscere in un mondo, come quello online, sempre più competitivo e di vendere, di conseguenza, i loro prodotti o servizi) con nuove skills, idee e strumenti alternativi senza dimenticare le proprie qualità e competenze acquisite nel tempo. Oltre la teoria generale, nel corso, sono ampiamente spiegati molti esempi concreti da cui prendere interessanti spunti, l’utilizzo di tools per facilitare la mole di lavoro e suggerimenti di letture o libri per approfondire gli aspetti che ciascuno, in base anche alla propria esperienza, ritiene più utile studiare e conoscere per “reinventarsi” e mettersi alla prova in questo moderno ramo della Comunicazione. (Alessandra Albertelli, giornalista pubblicista)

Ottima l’accoglienza di Primopiano durante il corso con Gianluigi Bonanomi. A proposito di quella giornata confermo di essere rientrata dopo il corso con mille buoni propositi e molta carica in più per riorganizzare gli “scaffali” delle mie competenze proponendomi di ampliare i servizi che possono offrire nella comunicazione. Gianluigi ha tenuto un corso molto utile dal punto di vista concreto, quindi funzionale sia ad un consulente che ad un operatore della comunicazione aziendale. Mi piacerebbe seguire anche altri suoi corsi per approfondire altre funzioni della comunicazione con lui. Spero che Primopiano ci tenga “agganciati” tenendoci aggiornati con le sue proposte. (Patrizia Ferrari, Ufficio Stampa e Comunicazione)

Per me che già mi occupo di brand journalism, il corso di Gianluigi Bonanomi è stato molto importante per due motivi: 1) è riuscito a dare una panoramica completa e molto lucida di un mondo in continua evoluzione e tutto da sperimentare, alternando con cura l’approccio teorico a quello pratico; 2) mi ha dato la piacevole conferma che la scelta di rispondere alle esigenze delle nuove media company attraverso l’esperienza giornalistica acquisita negli anni è davvero quella giusta. (Manuela Florio, caporedattrice RCS MediaGroup, coordinamento nuovi progetti editoriali per il web).

Il corso è molto ricco e super stimolante per chi voglia capire le nuove sfaccettature della professione giornalistica. Docente preparato, motivante e coinvolgente, non è facile mantenere l’attenzione dell’audience per otto ore. Avevo un’infarinatura della materia, ma ora ho messo molte caselline al loro posto. (Raffaella Case, giornalista e consulente di comunicazione)

Corso interessante, ricco e dinamico. Gianluigi Bonanomi è competente, documentato e versatile. Ti sa orientare con efficacia. Può darti indicazioni pratiche e riferimenti web molto utili in qualsiasi settore tu stia lavorando. 8 ore in aula sono volate! (Anna-Maria Vanti, Bologna)

Bello, molto utile ricco di idee per reinventarsi. Un punto di partenza per approfondire e sfruttare bene i social. Di fatto un corso di content marketing che propone un salto dal giornalismo a un diverso lavoro con i testi. (Giulio Mandara, giornalista freelance)

Occuparsi di giornalismo d’impresa non è semplice: tanti sono gli aspetti che un buon comunicatore d’impresa deve considerare nella realizzazione del piano editoriale, come nell’utilizzo corretto dei nuovi strumenti online, e sempre senza tralasciare il rispetto delle regole deontologiche. In questo corso di Brand Journalism + Content Marketing il docente, molto preparato e coinvolgente, ha saputo trasferire ai partecipanti una visione d’insieme ricca di spunti sotto ogni punto di vista. (Simona Politini, Responsabile Seo Affaritaliani.it)

Ottimo corso: contenuti super interessanti e al passo coi tempi, tanti esempi pratici e tool forniti. Gianluigi è un leader, ha catturato la mia attenzione per 8 ore, non mi sono distratta un attimo e non è stato per niente pesante. Ambiente ottimo e clima confortevole. Consiglio questo corso a chi vuole specializzarsi sempre di più nel content marketing. (Monica Cucchetti, category manager E-Price)

Il giornalista del 2019 deve reinventarsi. L’epoca in cui qualunque rivista venduta in edicola riusciva a stare in piedi senza problemi è finita. Il marketing sembrerebbe un mondo lontano, un ripiego per il giornalista, ma così non è. Tra content marketing e brand journalism c’è un mondo da esplorare, fatto non solo di “marchette” ma anche di articoli obiettivi, ben strutturati e scritti con professionalità. Il giornalista può essere un elemento molto importante in questo mondo in evoluzione, e questo corso lo spiega in modo preciso e accurato, tra esempi di vero e proprio giornalismo aziendale e consigli di marketing e strategie social. Gianluigi ha lavorato per anni nel settore dell’IT (più o meno negli stessi anni in cui ci lavoravo anch’io, peraltro) ma ha saputo guardare lontano, ha acquisito esperienze nuove e durante la giornata “passa” le sue scoperte anche ai corsisti. Certo in 8 ore non si può spiegare tutto, ma sono sufficienti per stimolare la curiosità e, se si è già dentro il settore, per apprendere magari qualche strumento in più. Fortemente consigliato. (Marco Crespiatico, ex direttore di testata, ora free lance; consulente testi per EY-Ernst & Young)

Il corso è stato coinvolgente, interessante e ricco di spunti pratici. Un’esperienza formativa che consiglio. (Claudia Cassino, giornalista)

Corso utile, piacevole e stimolante. Ne esci con qualche cosa di concreto in mano, che puoi subito sfruttare. Il docente (Gianluigi Bonanomi) si è dato con competenza, passione e sincerità. Sottolineo la competenza, l’organizzazione e la disponibilità di Filippo Tramelli e quindi Primopiano. Grazie. (Elisa Franchina – Communication Manager Bugnion SpA)